Santo Stefano di Sessanio

Santo Stefano di Sessanio è un piccolo borgo che si trova all’interno del Parco Nazionale del Gran Sasso ed è una località che ha saputo mantenere inalterato il suo fascino medioevale.
Cerca Hotel, B&B e Case vacanze

Situato all’interno del Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga, il piccolo borgo di Santo Stefano di Sessanio è una cittadina di origine medioevale che incanta grazie al suo patrimonio storico e architettonico. Questo borgo fortificato e perfettamente conservato si trova a 1250 metri di altitudine incastonato tra alte vette abruzzesi in un contesto ambientale e naturale davvero unico.

Storicamente Santo Stefano di Sessanio si è sviluppata a partire dal XIV secolo quando diventò una cittadina fiorente che viveva di agricoltura e di pastorizia. La città sotto l’egemonia dei De’ Medici divenne un importante centro economico della Signoria di Firenze per il fiorente commercio della lana “carfagna” che veniva qui prodotta per poi essere lavorata in Toscana e poi venduta in tutta Europa. Dopo l’unità d’Italia, però, il borgo ha iniziato un processo di decadenza anche a causa di un forte fenomeno di emigrazione.

Fortunatamente, però, il fascino di Santo Stefano di Sessanio ha conquistato anni fa l’imprenditore italo-svedese Daniele Kihlgren che è rimasto affascinato da questo borgo e ha deciso di acquistare parte delle abitazioni abbandonante e di ristrutturarle. Gli interventi di ricostruzione sono stati compiuti nel rispetto dell’integrità architettonica e culturale del luogo e oggi molte di queste abitazioni sono diventate parte del progetto “albergo diffuso Sextantio”.

Questo modello di sviluppo turistico territoriale ha come obiettivo quello di trasformare le case del borgo abbandonate in sistemazioni per accogliere turisti e visitatori. Per questo Santo Stefano è diventata una meta davvero originale dove le antiche abitazioni contadine sono divenute luoghi di ospitalità, le piccole botteghe hanno ripreso vita e i laboratori di artigiani riportano alla luce antichi mestieri di un tempo.

Cosa vedere a Santo Stefano di Sessanio

Visitare Santo Stefano di Sessanio significa fare un viaggio indietro nel tempo dato che questo piccolo borgo è rimasto immutato nel tempo e si presenta come un piccolo gioiellino da scoprire a piedi. Considerato uno tra i borghi più belli non solo d’Abruzzo ma di tutta Italia, a Santo Stefano di Sessanio si possono ammirare edifici costruiti in pietra calcarea bianca e tetti realizzati con coppi. Il suo centro storico, caratterizzato da un intrecciato dedalo di vicoli, lascia ogni visitatore a bocca aperta non solo per l’omogeneità stilistica ma anche per i decori architettonici presenti.

Purtroppo Santo Stefano di Sessanio è stato anche uno dei paesi colpiti dal terremoto del 2009 e nonostante siano stati danneggiati alcuni edifici simbolo della città, la maggior parte del borgo ha mantenuto la sua integrità.

Porta Medicea

La Porta Medicea è il punto di ingresso al caratteristico borgo di Santo Stefano. La porta permette di accedere all’antico centro storico che è un mondo rimasto fermo a centinaia di anni fa con case in pietra, scalinate, archi e camminamenti. Sopra la Porta ancora oggi si può ammirare lo stemma della Famiglia De’ Medici che furono signori di Santo Stefano dal 1579 al 1743. I De’ Medici resero Santo Stefano di Sessanio il centro per il commercio della lana “carfagna”, un materiale utilizzato per confezionare le divise dei militari e i sai per i monaci.

Torre Medicea

Simbolo del borgo di Santo Stefano di Sessanio, la Torre Medicea risalente al XIV secolo e posta in cima al borgo aveva funzione di avvistamento. Questa torre era presente già prima dell’arrivo della famiglia De’ Medici che ha però provveduto negli anni ha svolgere diversi interventi.

La torre trecentesca originariamente era alta 20 metri, aveva una pianta cilindrica ed era stata edificata in pietra concia locale. Purtroppo durante il terremoto del 2009 è crollata quasi completamente ma, dopo 12 anni dal sisma, è stata ricostruita completamente.

Chiesa Madre di Santo Stefano Martire

La Chiesa Madre di Santo Stefano Martire è l’edificio religioso che dà il nome all’intero borgo abruzzese e si trova fuori le mura cittadine vicino al cimitero. Costruita attorno al XIV la chiesa è stata ricostruita dopo il sisma del 1703 che aveva provocato ingenti danni all’edificio. L’edificio ha un impianto rettangolare con facciata quadrata mentre al suo interno sono presenti tre navate.

La navata centrale maggiore presenta una volta a crociera mentre le navate laterali sono più piccole e custodiscono delle tele settecentesche che raccontano la storia del martirio di Gesù e di Santo Stefano. Qui si trovano conservati anche una statua in legno di Santo Stefano ed una Madonna col Bambino risalente al XVI secolo.

Palazzo del Capitano

Poco distante da Piazza Medici si trova il Palazzo del Capitano costruito dai De’ Medici come residenza signorile della famiglia. La costruzione in pietra presenta due grandi bastioni e due finestre bifore in stile tardo-gotico. La facciata principale è decorata da un loggiato in stile rinascimentale che risale alla metà del Cinquecento.

Chiesa della Madonna del lago

Appena fuori dal centro presso il laghetto di Santo Stefano si trova una piccola chiesetta costruita proprio sulla riva del lago. Nominata per la sua posizione come la Chiesa della Madonna del Lago, l’edificio sembra risalire al XVII secolo ed è particolarmente affascinante per l’ambiente naturale in cui si trova inserito.

Il paesaggio tutto attorno cambia con il susseguirsi delle stagioni creando una splendida cornice: dall’atmosfera del lago ghiacciato d’inverno, alla natura rigogliosa che sboccia in primavera e si colora di tinte intense in autunno.

Castello di Rocca Calascio

A pochi km da Santo Stefano di Sessanio potete ammirare il Castello di Rocca Calascio, una delle attrattive più famose di tutta la regione, dato che qui sono state girate scene di film famosi come Ladyhawke, La Piovra, Il nome della Rosa e The American. Situato a 1450 metri di altezza su di un’altura che circonda il comune di Calascio, il castello è stato costruito su volere del re Ruggero d’Altavilla tra il 1140 ed il 1239 per scopi puramente difensivi.

Purtroppo il Castello di Rocca Calascio è stato danneggiato da una forte scossa di terremoto avvenuta nel Settecento e da quel momento sia la fortezza che il villaggio sottostante sono stati abbandonati. Dopo diversi lavori di restauro la Rocca è ora visitabile e conserva ancora parte del suo fascino.

Grotte di Stiffe

Le Grotte di Stiffe si trovano a pochi chilometri dal borgo di Santo Stefano e sono un complesso di grotte carsiche. Queste grotte sorgono su una “risorgenza attiva”, sono cioè sorte nel punto in cui un fiume torna in superficie dopo aver percorso un tratto sotterraneo.

Attraverso degli appositi percorsi è possibile ammirare cascate, laghetti, sale con magnifiche stalattiti e stalagmiti. Durante il periodo natalizio all’interno della grotte viene allestito uno dei più presepi più scenografici di tutta Italia.

Dove dormire a Santo Stefano di Sessanio

A Santo Stefano di Sessanio è stato sviluppato il progetto “albergo diffuso Sextantio” per cui gran parte delle sistemazioni disponibili in paese sono ex abitazioni contadine che sono state convertite in strutture per accogliere i turisti. La maggior parte delle strutture ha cercato di mantenere inalterato l’ambiente originale e alloggiare in certe camere significa fare un vero salto indietro nel tempo.

Alcune delle sistemazioni presenti si trovano oggi all’interno di antichi edifici signorili ristrutturati e riconvertiti all’accoglienza.

Offriamo le migliori tariffe Se trovi a meno rimborsiamo la differenza.
Cancellazione gratuita La maggior parte delle strutture permette di cancellare senza penali.
Assistenza telefonica h24 in italiano Per qualsiasi problema con la struttura ci pensa Booking.com.

Hotel e B&B consigliati a Santo Stefano

Hotel
Sextantio Albergo Diffuso
Santo Stefano di Sessanio - Via Principe Umberto sncMisure sanitarie extra
9,0Eccellente 338 recensioni
Vedi Tariffe
La Casa Sù Le Dimore Del Borgo
Santo Stefano di Sessanio - Via Gabriele D'AnnunzioMisure sanitarie extra
9,3Eccellente 552 recensioni
Vedi Tariffe

Come raggiungere Santo Stefano di Sessanio

Il mezzo migliore per raggiungere Santo Stefano di Sessanio è sicuramente l’automobile. Provenendo dal nord Italia è possibile prendere l’autostrada A14 in direzione Ancona fino all’uscita a Teramo/Giulianova/Mosciano Sant’Angelo. Da qui è necessario proseguire in direzione L’Aquila imboccando l’autostrada A 24 e uscire a L’Aquila Est per poi percorrere la SS 17 in direzione di Santo Stefano di Sessanio.

Provenendo dal sud Italia è necessario percorre l’autostrada A14 in direzione Pescara sino ad immettersi nell’autostrada A 25 fino all’uscita Bussi/Popoli. Da qui bisogna seguire le indicazioni per L’Aquila, prendendo prima la SS 5 poi la SS 153 in direzione Navelli e, infine, la SS 17 in direzione Santo Stefano di Sessanio.

L’aeroporto più vicino è l’aeroporto d’Abruzzo che si trova a Pescara e che dista circa 80 km da Santo Stefano, mentre l’aeroporto di Roma Ciampino si trova a circa 145 km.

La compagnia di trasporti regionale TUA permette i collegamenti via autobus da Santo Stefano a diverse città abruzzesi come L’Aquila, (terminal Collemaggio).

Dove si trova Santo Stefano di Sessanio

Santo Stefano di Sessanio è un piccolo borgo dell’Abruzzo che si Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga. Questa cittadina dista circa 60 km da L’Aquila, 70 km da Teramo e 146 km da Roma.

Vedi gli alloggi in questa zona

Località nei dintorni