Dove andare in montagna in Abruzzo

L'Abruzzo è la meta ideale in ogni stagione dato che ospita diversi ambienti naturali: dai Parchi Nazionali alle vette appenniniche, dalle placidi laghi alle verdi colline.
Cerca Hotel, B&B e Case vacanze
Cerca

L’Abruzzo è considerato il polmone verde del Mediterraneo e grazie ai suoi tre Parchi Nazionali (Abruzzo, Maiella e Gran Sasso), il Parco Regionale del Silente Velino e più di trenta Riserve Naturali è una delle regioni più verdi d’Europa. Ogni parco custodisce una lunga storia che si può scoprire attraverso la visita ad antichi borghi ed è caratterizzato da particolari specie di flora e di fauna e da stratificazioni geologiche.

Il patrimonio naturale dell’Abruzzo, però, è composto anche da catene montuose, magnifici laghi e verdi colline ricche di vigneti e oliveti. Molti dei laghi d’Abruzzo richiamano gli amanti degli sport acquatici come il windsurf, la canoa o le immersioni mentre le alte vette appenniniche attirano gli appassionati di escursioni e trekking. La varietà del territorio abruzzese rende questa regione una meta molto ambita e in grado di soddisfare le esigenze di diverse tipologie di turisti.

Parchi d’Abruzzo

Il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga è una delle riserve naturali protette più grandi d’Italia ed è uno dei tre parchi nazionali presenti in Abruzzo. Esteso su una superficie di 150.000 ettari il Parco custodisce un territorio per la maggior parte montano e caratterizzato da numerose cime che superano 2000 metri di altitudine. I gruppi montuosi presenti sono i Monti Gemelli, i Monti della Laga e la catena del Gran Sasso d’Italia dove è possibile eseguire numerosi escursioni e camminate immersi nel verde. Tra gli itinerari più famosi c’è l’Ippovia del Gran Sasso, un sentiero di circa 320 km che si sviluppa attorno al massiccio del Gran Sasso e che può essere svolto a piedi, a cavallo o in mountain bike.

Nel mezzo del Massiccio del Gran Sasso è presente anche l’altopiano di Campo Imperatore che per i suoi splendidi paesaggi è noto anche come il “Piccolo Tibet”. Qui si trovano le più elevate vette dell’Appennino, come il Corno Grande (2912 metri ) e il Monte Aquila (2494 metri), e uno dei comprensori sciistici più moderni e attrezzati del Centro Italia.

Rientrano all’interno del territorio del Parco anche quaranta cittadine abruzzesi che conservano un patrimonio storico e architettonico davvero unico, tanto che molte fanno parte del Club “I Borghi più belli d’Italia”. La varietà dei paesaggi del Parco permette la presenza in questo territorio di più di 2000 specie vegetali e di diverse specie di animali tra cui l’orso bruno marsicano.

Il Parco Nazionale d’Abruzzo è stato fondato nel 1923 ed è per questo considerato uno dei parchi più antichi d’Italia. Esteso su un’area di circa 50.000 ettari, all’interno del Parco si trovano 25 comuni (situati tra le regioni Abruzzo, Lazio e Molise) e diversi ambienti ricchi di vegetazione che attirano moltissimi visitatori in ogni stagione dell’anno. Inoltre, le faggete vecchie più di 500 anni, che si trovano tra i comuni di Lecce nei Marsi, Opi, Pescasseroli e Villavallelonga, sono state riconosciute nel 2017 Patrimonio mondiale dell’Umanità dall’UNESCO. Il Parco Nazionale d’Abruzzo svolge anche un ruolo importante nella salvaguardia di alcune specie di animali selvatici come il lupo, il camoscio d’Abruzzo e l’orso bruno marsicano.

Il Parco Nazionale della Maiella (o Majella) comprende il grande massiccio della Maiella, le montagne del Morrone, i monti Pizi e il gruppo del Monte Porrara. La maggior parte del suo territorio si estende sopra i 2000 metri e la cima più elevata è quella del Monte Amaro con i suoi 2793 metri d’altitudine. Il Parco è considerato una vera oasi naturale dove è possibile percorrere innumerevoli itinerari a piedi, in bici o a cavallo e ammirare rare specie di flora e di fauna.

Il Parco Naturale Regionale del Sirente Velino è noto agli appassionati di sport invernali per la presenza dei comprensori sciistici di Ovindoli e di Campo Felice. Il parco si estende su più di 50.000 ettari in provincia dell’Aquila e comprende al suo interno circa 22 comuni che custodiscono un patrimonio storico-culturale davvero antico. All’interno del parco si trovano numerose specie animali come l’orso bruno marsicano, il capriolo, il cervo, l’istrice, la volpe, il gatto selvatico e il cinghiale, mentre tra gli uccelli spiccano l’aquila reale, il nibbio bruno, il corvo imperiale, il falco pellegrino e il picchio verde.

Laghi abruzzesi

Ad arricchire il patrimonio naturale dell’Abruzzo ci sono anche moltissimi laghi e bacini artificiali, ottenuti dallo sbarramento delle acque dei fiumi, che sono la meta perfetta per coloro che amano praticare sport acquatici.

Tra i laghi più famosi d’Abruzzo c’è sicuramente il Lago di Barrea, uno specchio d’acqua che si trova all’interno del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise e che ospita lungo le sue sponde tre deliziosi borghi: Barrea, Villetta Barrea e Civitella Alfedena. La rete di sentieri che circonda il lago lo rende la meta ideale per coloro che amano le attività all’aria aperta.

Un altro lago da non perdere durante un soggiorno in Abruzzo è il Lago di Scanno che è considerato il più grande lago naturale della regione. Incastonato tra le cime dei Monti Marsicani il lago si è formato a causa di una frana staccatasi dal Monte Genzana che ha interrotto il corso del fiume Tasso. Il lago ha ottenuto il titolo della Bandiera Blu ed è quindi completamente balneabile mentre tutt’attorno ospita una serie di sentieri che si possono percorrere in bici o a piedi.

Nato dallo sbarramento del Rio Fucino, il Lago di Campotosto è un bacino artificiale che è tutelato da una Riserva Naturale dello Stato e si trova all’interno del Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga. Il lago è spesso scelto come meta da appassionati di pesca, canoa, windsurf e data l’estesa rete di sentieri che lo circonda è l’ideale per coloro che vogliono fare escursioni in bici o a piedi.

Nella valle del Sangro si trova, invece, il Lago di Bomba che si è formato dopo lo sbarramento del fiume Sangro. Il lago è navigabile ed è, quindi, l’ideale per coloro che vogliono praticare canoa, il windsurf o lo sci nautico. Lungo le sue sponde si trovano caratteristici borghi come Bomba, Colledimezzo, Pietraferrazzana, Pennadomo.

Poco distante dalle Grotte di Stiffe è possibile visitare il piccolo Lago di Sinizzo che è chiamato anche la “spiaggia degli aquilani” per le sue meravigliose acque balneabili che d’estate attirano molte persone che vogliono fuggire dal caldo delle città. Attorno al lago, oltre ad esserci numerosi sentieri, si trovano aree sosta per pic-nic, un parco giochi e un chioschetto.

Infine c’è il Lago di Capodacqua che è soprannominato anche “Atlantide d’Abruzzo” per la presenza di numerosi resti sul fondo del lago che richiamano appassionati di immersione da tutto il mondo. Questo piccolo lago artificiale è situato all’interno del territorio di Capestrano alle pendici del Monte Scarafano ad un’altitudine di 340 metri.

Zone collinari

L’Abruzzo, se si esclude la stretta lingua di terra che si estende lungo il litorale, è composto in gran parte da territorio montuoso e in piccola parte da territorio collinare.

In particolare nelle provincie di Teramo, Pescara e Chieti, si trovano verdi colline che ospitano coltivazioni di vigneti e oliveti e piccoli borghi arroccati. Queste sono le località ideali per coloro che vogliono trascorrere un soggiorno nella natura assaggiando prodotti tipici del territorio abruzzese.

Approfondimenti

Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

Esteso su una superficie di circa 150.000 ettari, il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga è una meta perfetta per un soggiorno all'insegna di storia, natura e relax.
Parco Nazionale d’Abruzzo

Parco Nazionale d’Abruzzo

Considerato uno dei parchi più antichi d'Italia, il Parco Nazionale d'Abruzzo è una meta da non perdere durante un soggiorno in Abruzzo durante ogni stagione dell'anno.
Parco della Maiella

Parco della Maiella

Il Parco Nazionale della Maiella grazie alla sua vasta rete di itinerari, alla presenza di piccoli borghi ed eremi arroccati nella roccia è una delle mete da non perdere in Abruzzo.
Valle dell’Orfento

Valle dell’Orfento

La Valle dell'Orfento è il luogo ideale per fare trekking ed escursioni su sentieri spettacolari ricchi di eremi, boschi, canyon e cascate, nel cuore del Parco della Majella.
Lago di Barrea

Lago di Barrea

Il lago di Barrea si trova all’interno del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Tutt’attorno al lago sorgono sentieri immersi nella natura da fare a piedi o in bici.